Arti Visive, Pittura

Peder Mork Monsted, la luce del Nord

Share:
Condividi

L’artista che approfondiremo oggi risulterà sicuramente sconosciuto a tutti, o quasi. Non metto in dubbio la cultura di molti lettori, ma in questo caso si tratta di un semi sconosciuto danese, che non figura tra i nomi altisonanti da Guggenheim. Si tratta di Peder Mork Monsted, il pittore della natura, dei paesaggi incontaminati e delle lande desolate.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il pittore realista, nasce a Grenaa nel 1859, un paesino nella regione Jutland a Nord della Danimarca. I paesaggi che vedrà in infanzia saranno sempre nei suoi pensieri, le foreste innevate, i paesaggi desolati dei boschi in inverno e la natura in primavera in riva a un fiume, oltre che la campagna che rinasce nell’estate del nord. Tra il 1975 e il 1979 si trasferisce a Copenaghen, dove completa i suoi studi umanistici e si indirizza verso la pittura, sua vera passione. Al termine degli studi decise di intraprendere numerosi viaggi, una sorta di Grand Tour, alla volta della capitale italiana, Roma. La sua agiatezza familiare gli permise numerosi spostamenti e nessuna fretta nel trovare acquirenti per i suoi quadri. In poco tempo gira quasi tutta Europa. Vive a Venezia, Parigi, Monaco, Montecarlo e Atene.

Quello che lo colpirà di più e segnerà i suoi futuri lavori sarà la luce mediterranea. L’acqua, il sole, la luce rimarranno per sempre nella mente e nel vocabolario di Monsted. I suoi dipinti però mantengono la magia del Nord Europa. Tra i suoi paesaggi preferiti i fiumi nella natura sono sicuramente i preferiti del pittore danese. E quello che più di ogni altra cosa gli riesce è senza dubbio la rappresentazione della neve e delle luci che la caratterizzano. Si può affermare che nessun paesaggista quanto Monsted ha studiato e sperimentato gli effetti della luce sulla neve. I risultati sono emozionanti, i suoi dipinti sono sicuramente fotografici, forse qualche accusa gli può essere mossa, ma dal punto di vista tecnico è impeccabile. E i suoi dipinti ci parlano di luoghi che, spesso senza l’uomo, vivono in una bellezza spietata e cinica, sono foto dei luoghi dove l’uomo non è ben accetto. Giustamente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Monsted muore nel 1941 a Fredensborg. Le sue opere appartengono soprattutto a collezionisti, quindi difficilmente è possibile osservare le sue opere in musei, mostre o gallerie. In questo articolo inseriamo alcune delle migliori opere incentrate sul tema della neve dell’artista, con la speranza di incuriosirvi e di aprire la conoscenza a pittori meno conosciuti. Tuttavia in Danimarca ha scritto una pagina della storia dell’arte portando un po’ di cultura Europea nei paesaggi nordici.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tags: , , , , , , , , ,

No comments yet.

Add your response

*